Tour Sardegna Archeologica: Monte d'Accoddi, Tombe dei Giganti Li Lolghi e Coddu Vecchiu


Il nostro tour archeologico di due settimane in Sardegna è partito subito dopo lo sbarco a Porto Torres, dato che la prima tappa distava dal porto soltanto 7,5 km.

Il sito di Monte d’Accoddi è regolato da orari (dal 01-04 al 31-10: dal martedì al sabato 09.00-18.00, domenica 09.00-14.00) e prevede un biglietto d’ingresso di euro 4.


Si tratta di una costruzione simile agli ziggurat formata da grandi blocchi calcarei, accessibile mediante una rampa lunga 42 metri.


L’altezza dell’altare oggi non supera i 6 metri ma si ipotizza che in origine potesse raggiungere gli 8 metri d’altezza.


La struttura inglobava a sua volta un precedente altare, il cui pavimento e le pareti erano colorati con ocra rossa.


Sulla sinistra della rampa si trova un menhir di oltre 4 metri.


Sulla destra della rampa c’è un grande lastrone trapezoidale calcareo con 7 fori.

Davanti al monumento sono state poste, provenienti da un altro sito, due pietre sferoidali di calcare: una più grande simboleggiante il Sole ed una più piccola a rappresentare la Luna.


Tutt'attorno è stato in parte scavato un villaggio.


La sensazione che mi ha trasmesso è stata quella di un luogo magico. Quando sono salita sulla sommità della piramide tronca ho avvertito una spinta ascensionale, come se da lì potesse essere più facile comunicare con il Cosmo.


Dopo una sosta di un’ora e mezza abbondante in questo sito davvero eccezionale, siamo partiti alla volta della seconda tappa che era invece più distante: la Tomba dei Giganti di Li Lolghi ad Arzachena; l’abbiamo raggiunta da Monte d’Accoddi in un’ora e 40 minuti circa.