Situazione astrologica attuale: siamo ancora liberi di scegliere. Fiducia e Cambiamento verso un Nuo


E’ da gennaio, con lo spostamento di Saturno in Capricorno il giorno 15 (per i dettagli su questo transito potete leggere l’articolo dedicato “Saturno in Capricorno”) che avevo iniziato a domandarmi quali effetti avrebbe prodotto la concentrazione di Pianeti nei primi due Chakra dello Zodiaco.

Mi spiego meglio, ricordando che faccio riferimento al Sistema Astrologico Indiano che utilizza lo Zodiaco Siderale. Alla fine di febbraio tutti i Pianeti, esclusi Urano e il Nodo Nord della Luna, erano posizionati fra Sagittario e Pesci, che nella corrispondenza con i Chakra equivalgono a I e II Chakra. Saturno è associato al I Chakra e governa Capricorno e Acquario; Giove è associato al II Chakra e governa Sagittario e Pesci. Per l’esattezza il giorno 24 febbraio avevamo Giove, Marte e il Nodo Sud della Luna in Sagittario; Saturno e Plutone in Capricorno; Luna, Sole, Nettuno e Mercurio retrogrado in Acquario; Venere in Pesci (Urano in Ariete e Nodo Nord in Gemelli).

I primi Chakra sono associati a sopravvivenza ed emozioni e ci toccano sui bisogni esistenziali primari. L’energia planetaria generale è dunque piuttosto “bassa”, non ci sono equilibrio e distribuzione armonica nello Zodiaco ma unilateralità.

Ad oggi ci sono stati degli spostamenti. Venere il 28 febbraio è passata in Ariete; il sole il 13 marzo in Pesci; Marte il 21 marzo ha raggiunto Saturno in Capricorno e Giove il giorno seguente si è unito a loro, entrando nel suo segno di debilitazione: il Capricorno appunto.

Tutti questi Pianeti all’altezza del I Chakra stanno mettendo in risonanza le nostre radici, l’istinto di sopravvivenza. Come sempre accade in Astrologia siamo liberi di ricevere ed interpretare i raggi cosmici a seconda di come noi stessi stiamo vibrando nei nostri Chakra. Ciò significa che se ho un primo Chakra pesante, chiuso e bloccato, interpreterò queste frequenze con l’emozione più dannosa in assoluto: la PAURA. Paura per la mia sopravvivenza. Gli eventi in atto ci stanno mettendo tutti alla prova su questa particolare vibrazione e rivelano la vera e profonda natura di ciascuno di noi. Chi ha lavorato su di sé, coltivato Fiducia nella Vita e Conoscenza non teme nulla, perché è consapevole che niente avviene per caso e ha Fiducia nell’evoluzione. E’ inoltre consapevole del fatto che la morte è soltanto un momento di passaggio fra un’incarnazione terrena ed il nostro ritorno “a casa” e non si fissa sulla paura della morte, perché l’ha già elaborata. Chi non ha coltivato nessuno di questi pensieri si trova invece catapultato nella paura e nel panico, avendo completamente perso il controllo della situazione.

Saturno ha questo effetto nel suo segno di domicilio, il Capricorno: se vibriamo alto ci porta profondità spirituale, accettazione, capacità di sopportare con Fiducia ma se le nostre frequenze sono basse il risultato è una totale contrazione e paralisi, un blocco esistenziale.

Mai come prima d’ora siamo chiamati ad esercitare la Fiducia nel Cosmo, a lasciare controllo e giudizio per affidarci alle forze spirituali che governano la Creazione. E’ il momento di accettare con Fiducia quello che sta accadendo, con la consapevolezza che niente avviene per caso e tutto questo porterà al necessario e tanto atteso Cambiamento.

E’ il momento di scegliere se centrarsi in se stessi e tirar fuori tutta la forza e l’amore di cui siamo costituiti oppure lasciarsi andare alla paura, alla rabbia e all’odio che subentrano quando nello smarrimento totale, cerchiamo a tutti costi dei colpevoli.

In questo momento nel segno del Capricorno Saturno è forte perché domiciliato e Giove è debole perché debilitato. Senza la Fede che Giove rappresenta è facile lasciarsi catturare dalla paura della morte, rappresentata da Saturno, signore del Tempo e grande malefico. E’ il momento di tirar fuori la vibrazione più alta di Giove, una vera ed incondizionata Fiducia nella Vita. Il colore giallo/arancione e le pietre delle stesse tonalità possono aiutare a sintonizzarci su queste vibrazioni positive.

C’è anche Marte con loro e lui in Capricorno è esaltato. Possiamo dunque attingere alla giusta dose di energia per affrontare questa situazione. Se invece lasciamo che Marte venga alimentato dalla paura di Saturno il risultato sarà sofferenza e distruttività.

La buona notizia è che Venere fra pochi giorni, il 27 marzo per la precisione, transiterà nel suo segno di domicilio, il Toro e ci resterà per ben 4 mesi, fino al 31 luglio. Venere all’altezza del Chakra del Cuore permetterà a chi saprà sintonizzarsi con questa frequenza di trovare un centro sicuro in sé stesso.

Passeremo in giugno un momento di grande richiesta di sconto karmico, molti pianeti infatti saranno in quel momento retrogradi. Il 24 giugno avremo Giove, Saturno, Venere, Mercurio, Plutone e Nettuno contemporaneamente retrogradi. Sarà allora il tempo di lasciar andare definitivamente tutti gli attaccamenti che trasciniamo con noi da numerose incarnazioni, per liberarci una volta per tutte dei blocchi passati e andare incontro ad un futuro di Luce e Amore incondizionato.

Questo processo sarà sancito con lo spostamento dei Nodi Lunari in ottobre: il Nodo Sud passerà in Scorpione ed il Nodo Nord in Toro. Si tratta di un asse nodale decisivo, molto difficile e doloroso ma altrettanto remunerativo in termini evolutivi. Tutte le bassezze umane sono state realizzate e toccate con mano, il “vaso” dell’anima è saturo ed è il momento di svuotarlo, di fare pulizia di tutto il marciume accumulato in passato. Avremo il compito di trovare il coraggio di lasciare tutto ciò che è vecchio, superato, distruttivo per dirigerci verso una nuova forma di espressione, fatta di un nuovo modo di vivere, secondo principi etici e con tanta energia costruttiva.

Questo è il messaggio che ci portano le Stelle in questo 2020: Fiducia e Cambiamento verso un Mondo Nuovo.

Buon lavoro a tutti!